The Official Website of Accademia Basket Altomilanese
Stagione 2018-2019
ABA FROM ITALY TO USAIl racconto del College di Francesco BiraghiDa oggi parte una rubrica bimestrale, in cui il nostro ABAers, Francesco Biraghi, ci racconterà la sua esperienza nel college americano, tra vita vissuta, studio e basket.
Ecco cosa gli è successo nei primi due mesi negli Stati Uniti

Che dire...sembrava solo ieri di aver iniziato questa magnifica avventura che mi ha portato nel paese dalla bandiera a stelle e strisce e ora, in men che non si dica, sono quasi passati due mesi dal mio arrivo qui alla Missouri Valley; mesi fondamentali che hanno deciso le sorti della mia stagione.

Agosto è stato il mese più difficile fino ad ora; mi sono dovuto scontrare con molti problemi riguardanti la logistica universitaria americana e il metodo di studio; il fatto di dover condividere la camera con un altra persona mai vista prima e di vivere da solo ed esclusivamente, come si dice qui, “by myself”; la lingua, invece, un problema secondario perchè avendo avuto esperienza con la prima squadra l'anno passato, dovevo comunicare in inglese per farmi capire dagli americani o comunque per entrare al College ho dovuto sostenere due esami, quindi lo studio della lingua inglese non è per nulla mancato.
Invece per quanto riguarda il Basket, sono soddisfatto dei risultati ottenuti nel programma di pre-season e di “scrimmage” (ovvero il periodo di selezione per formare le varie squadre).

Gli allenamenti sono iniziati il 26 agosto, da quel giorno in poi alternavamo tutti i giorni al mattino primo allenamento alle 6:00, ancora prima che il sole sorgesse, sul “Football field”, dove facevamo un'ora di conditioning, che sarebbe a dire atletica; momenti che solo al pensiero mi viene il fiatone dalla fatica.
Due esempi molto rapidi: una mattina ci hanno fatto fare 40 volte sprint in 20 secondi sulle 120 yard (che equivalgono circa ai nostri 110 metri), invece un'altra mattina ci hanno fatto fare suicidio, sempre sul campo da football, deciso al momento dall'allenatore... abbiamo chiuso quell'allenamento dovendo fare suicidio ogni 5 yard (un campo da footbal regolare misura 100 yard escluse le zone di end-zone) quindi lascio fare a voi i conti!!!
Finito l'allenamento della mattina, subito colazione, una doccia per scaricare la tensione e le gambe affaticate e alle ore 9:00 la prima lezione, alle 13:00 la seconda e alle 14:00 la terza.
Alle 16:00 secondo allenamento della giornata con la seduta di pesi, un susseguirsi di continue super-serie (ovvero 3/4 esercizi da ripetere per tre volte) che ti portavano al limite della tua forza fisica.
Il giorno seguente, invece, facevamo un'ora di 5vs5 tra i vari gruppi che avevano formato, per far vedere le nostre abilità e come ci comportavamo sul campo.

E cosi è stato per un mese, ora da martedì 2 ottobre inizieremo gli allenamenti veri e propri di squadra, per il momento sono stato inserito nella seconda squadra per via che i giocatori in prima squadra sono tutti junior e senior (ovvero al terzo e quarto anno universitario) e poi per via del fisico e atletismo, ma su quello ci sto lavorando ogni giorno anche con sedute extra di per conto mio nella palestra per tutti gli studenti.
Ora ci aspetta ancora un mese di preparazione per diventare una squadra unita, conoscerci meglio e condividere un unico scopo, L'ANELLO DELLA CONFERENCE, che spero vivamente di riuscire a vincere nei prossimi 4 anni.

Per il momento questa è stata la mia routine durante le giornate trascorse qui, ora testa alla scuola e al campionato, sognando un giorno di arrivare il più lontano possibile.
E come diciamo qui: IT'S A GREAT DAY TO BE A VIKING!"


Condividi questa pagina:
Copyright 2014
Accademia Basket Altomilanese - ABA - Sede: via Parma, 77 - Legnano - info@ababasket.it